Vai al contenuto

Lo sportello di assistenza e ascolto degli SPISAL: a cosa serve come si può accedere

La Regione Veneto con la Legge Regionale n.8 del 2010 “Prevenzione e contrasto dei fenomeni di mobbing e tutela della salute psico-sociale della persona sul luogo di lavoro” ha posto le basi per un servizio di assistenza al lavoratore e un sistema strutturato di prevenzione del disagio lavorativo.

Istituisce all’interno degli Uffici SPISAL un Servizio dedicato ai lavoratori:

  • Sportello di assistenza ed ascolto sul mobbing, sul disagio lavorativo e sullo stress psico-sociale nei luoghi di lavoro (art. 6 L.R. 8/2010).
  • Centro di riferimento provinciale per il benessere organizzativo (art. 7 L.R. 8/2010).

Quali sono le funzioni dello Sportello di assistenza ed ascolto?

Le funzioni principali sono due:

  1. fornire informazioni ed indicazioni sui diritti dei lavoratori e sui relativi strumenti di tutela;
  2. orientare il lavoratore presso le strutture di supporto presenti nella Regione (ITL, Consigliera di parità/di fiducia, Centro di salute mentale, figure della prevenzione aziendali, SPISAL, Sindacato).

Se in presenza di specifici criteri associati allo stato di salute e ad elementi di costrittività organizzativa e/o attacchi alla persona, si invia il lavoratore al Centro di riferimento provinciale per il benessere organizzativo.

Quali sono le funzioni del Centro per il benessere organizzativo?

La funzione cardine del Centro per il benessere organizzativo è l’approfondimento diagnostico che accerti lo stato di disagio psicosociale, grazie all’apporto multidisciplinare previsto dalla Legge Regionale e che fornisce eventuali indicazioni terapeutiche, di sostegno, cura e riabilitazione.

Quando c’è una malattia professionale correlata allo stress lavoro correlato?

La psicopatologia diviene malattia professionale in presenza di due diagnosi specifiche:

  1. disturbo da stress post-traumatico cronico,
  2. disturbo dell’adattamento cronico.

Tali diagnosi sono inserite negli elenchi ministeriali per cui è obbligatorio emettere il primo certificato di sospetta malattia professionale, la causalità di tali psicopatologie non viene riconosciuta automaticamente, ma l’onere di prova di tale causalità è totalmente a carico del lavoratore.

Che cos’è il mobbing?

Per mobbing si intende un’aggressione psicologica del lavoratore in azienda che può avvenire in modo verticale o orizzontale. Gli atti sono sistematici e indirizzati verso una o più persone specifiche, contro la salute, la dignità, la libertà, professionalità, ecc. con l’intenzione di esercitare una pressione o violenza psicologica allo scopo di determinare l’uscita dall’azienda dei lavoratori o procurarne disagio o nocumento nel rapporto di lavoro. L’attore di tali atti va identificato in una persona fisica e non nel contesto organizzativo.

Il mobbing è la conseguenza di un’organizzazione malsana o costituisce reato?

Il “reato di mobbing” non ha una definizione giuridica specifica ma costituisce reato, pertanto gli attori di tali comportamenti vessatori sono denunciabili dalla vittima. Sul piano giuridico si attinge ad altre tipologie di illeciti per la formulazione dell’accusa, siano essi sul piano civile e/o penale. I casi di mobbing possono integrare i reati di lesioni personali colpose, il reato di atti persecutori o di maltrattamenti in famiglia se i comportamenti vessatori vengono posti in essere in un contesto parafamiliare. 

Quali sono le modalità di accesso?

L’accesso al Servizio da parte del lavoratore può avvenire sulla base del luogo di sede legale o sede operativa della propria azienda, che deve essere all’interno del territorio di competenza della ULSS 8 o ULSS 7. Il lavoratore può accedere al Servizio di competenza in modo gratuito e senza impegnativa, contattando preventivamente lo SPISAL ULSS 8 o ULSS 7 facendo riferimento ai contatti descritti nei rispettivi siti aziendali dedicati al Servizio SPISAL. Dopo un primo contatto telefonico di raccolta dati, verrà programmato l’appuntamento presso lo Sportello di assistenza ed ascolto di competenza.

Image by Freepik

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *